La società circuito | gennaio 2014

Per una fenomenologia della visione @ Smart lab, Rovereto 2014

Viviamo oggi una realtà aumentata – e al contempo vincolata – da dispositivi tecnologici che impongono nuove forme di comunicazione. Diversi modi di interazione rispetto alle pratiche quotidiane suggeriscono impressioni e al contempo le assorbono, modificando sostanzialmente il nostro stile di vita in termini qualitativi. Ma quali sono i limiti ed i pericoli che quest’ipertecnologizzazione porta in grembo? Quale futuro si prospetta alle relazioni umane, ai sentimenti, alla comunicazione tout court? E ancora, qual è l’influenza del fenomeno sui processi identitari? In che misura condiziona e condizionerà la nostra vita sociale e quella delle future generazioni?

Questi e molti altri interrogativi saranno indagati a partire dalla proiezione della serie tv Black Mirror nel corso dell’evento “La società circuito. Per una fenomenologia della visione”, proposto dall’associazione La Grottesca in collaborazione con Effetto Vertigo.
I tre incontri in programma si terranno il 17, 24 e 31 marzo alle ore 20.45 presso il Centro Smart Lab di Rovereto, viale Trento 49. Ingresso con tessera Smart Lab.

  • 17 marzo – LIVE ON STAGE #liveonstage
    Messaggio al Primo Ministro” (O. Bathurst / C. Brooker, UK, 2011)
    Quando tutti sono connessi e la rete annulla ogni distanza, anche la decisione più personale deve fare i conti con il dispotismo dell’opinione. Ma sotto i riflettori dello spettacolo globale niente è come appare.
  • 24 marzo – VIDEOCRAZIA #videocrazia
    Vota Waldo!” (B. Higgins / C. Brooker, UK, 2013)
    L’uomo, si sa, è un animale politico. E poco importa se il potere di rappresentanza abbia ceduto il passo ad un inappagabile bisogno di rappresentazione. In videocrazia l’importante è metterci la faccia, vera o finta che sia.
  • 31 marzo – IL DISPOSITIVO #ildispositivo
    15 milioni di celebrità” (E. Lyn / C. Brooker, UK 2011)
    Bing ed Abi hanno un avatar e, come tutti, pedalano per alimentare il grande dispositivo. Nella società circuito nulla, o quasi, è autentico. Eppure tutto è negoziabile, incluse bellezza e verità.
  • Front
    Retro

    Rispondi

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi